scroll_to_top.svg

SCIACCHETRA’ 2016 : la tradizione continua…

Anche quest’anno, come la scorsa stagione, grazie ad un clima asciutto e soleggiato che si è protratto da Giugno a Settembre, siamo riusciti a raccogliere e mettere ad essiccare circa 2 quintali di uva da Sciacchetrà.

La raccolta nei terrazzamenti avviene utilizzando esclusivamente i nostri mitici contenitori in corteccia di castagno intrecciati a mano, detti “corbe”, dove i grappoli dei vitigni Bosco, Vermentino ed Arbarola, vengono deposti con estrema cautela al fine di evitare la rottura degli acini che andrebbe a compromettere l’essiccazione delle uve.

Le “corbe” vengono trasportate a spalla alla più vicina monorotaia per poi arrivare sulla nostra terrazza dove si procede a trasferire le uve, grappolo per grappolo, in piccole cassette per frutta ed ortaggi, dove rimarrà per circa 1 settimana.

Trascorso il periodo di essiccazione al sole diretto, le cassette, con il loro prezioso contenuto, sono state trasferite in un ambiente chiuso, asciutto ed areato, dove sono rimaste per circa 2/3 settimane.

Quindi trascorso circa 1 mese dalla raccolta abbiamo proceduto alla vinificazione nella nostra cantina di famiglia “Il Torchio”, schiacciando i grappoli con i piedi ed utilizzando sempre la stessa botticella in legno di castagno, dove avviene la fermentazione.

Terminata la fermentazione lo Sciacchetrà viene svinato dalla botte e trasferito in damigiane di vetro per poi essere imbottigliato dopo circa 1 anno e mezzo, mentre le bucce vengono lasciate al suo interno; a questo punto procediamo a mettere nella botte dello Sciacchetrà una parte del vino secco torchiato, dove rimarrà per circa 10 giorni.

Il contatto con le bucce dell’uva essiccata darà un’impronta maggiormente dolce ed alcoolica al vino secco torchiato, dando vita ad un altro vino tipico della nostra tradizione, che i nostri avi chiamavano “Rinforzato” o “Passato sulle bucce”.

Il nostro impegno sarà sempre costante per produrre lo Sciacchetrà, massima espressione qualitativa e di tradizione del territorio delle Cinque Terre.

Scopri anche

23 Ottobre 2020

La sagra dei limoni di Monterosso

scopri

9 Ottobre 2020

La Via dell’Amore: le origini.

scopri

21 Aprile 2020

Lerici e San Terenzo: la baia degli inglesi

scopri

22 Marzo 2020

Vernazza: fronte del porto

scopri

7 Dicembre 2019

Corniglia: una terrazza sul mare

scopri

8 Settembre 2019

Il sentiero 436: da Montemarcello a Punta Corvo

scopri

22 Aprile 2019

L’acciuga di Monterosso

scopri

3 Dicembre 2018

La Via Francigena: camminare nella storia.

scopri

18 Settembre 2018

Il Sentiero 508 : da Vernazza a Reggio

scopri

2 Maggio 2018

Portovenere: splendida perla sul mar!

scopri

11 Gennaio 2018

Montereggio: paese di librai e di editori.

scopri

15 Novembre 2017

Da Lerici a Bocca di Magra col sentiero Liguria (SL)

scopri

13 Agosto 2017

L’isola Palmaria

scopri

14 Marzo 2017

Sciacchetrail 2017 – Terza edizione

scopri

24 Gennaio 2017

Tellaro : la perla del Golfo dei Poeti.

scopri

20 Novembre 2016

Da Vernazza a Riomaggiore passando per i santuari

scopri

26 Settembre 2016

SCIACCHETRA’ 2016 : la tradizione continua…

scopri

7 Maggio 2016

L’ Alta Via del Golfo – Da Portovenere alla Foce

scopri

9 Dicembre 2015

I sentieri della Palmaria

scopri

1 Ottobre 2015

L’arcipelago del Golfo della Spezia

scopri

Vedi tutti
gli altri articoli