scroll_to_top.svg

Da Vernazza a Riomaggiore passando per i santuari

Questo percorso inizia dalla stazione ferroviaria di Vernazza dove si prende direzione monte costeggiando il torrente che attraversa il paese, fino ad imboccare il sentiero n. 508, antica via dei pellegrinaggi costellata da numerose edicole votive che conduce al santuario di Reggio, dove, nel piazzale antistante la chiesa, si possono notare splendide piante monumentali.

Lasciato il santuario si continua a salire col 508 fino a raggiungere l’Alta Via delle Cinque Terre (ex sentiero n. 1), dove ci si innesta con direzione est verso il Monte Malpertuso che con i suoi 812 metri s.l.m. è la vetta più elevata sullo spartiacque Cinque Terre – Val di Vara, per poi arrivare al valico della Cigoletta, dove troviamo il sentiero n. 587 che scende a Corniglia e il 507 che scende a Vernazza. Dopo la Cigoletta si raggiunge il monte Marvede, dove incontriamo il sentiero 506 per Manarola che si raggiunge passando per lo splendido borgo di Volastra, santuario medioevale dedicato alla Madonna della Salute, da cui scesero i fondatori di Manarola.

Proseguendo sull’ AV5T si arriva al Colle del Telegrafo, dove ci si innesta sul SVA che, attraversando antichi terrazzamenti di vigneti e casette rurali in pietra, raggiunge il santuario della Nostra Signora di Montenero, da cui si gode di un’incomparabile vista sul Golfo delle Cinque Terre chiuso dal promontorio di punta Mesco e sulla costa verso il Golfo della Spezia con le isole Palmaria e Tino a chiudere il panorama.

Dal santuario il SVA scende sino a raggiungere il borgo di Riomaggiore, via che i pellegrini percorrevano durante le solenni processioni, come quella tradizionale della Pentecoste.